TeleRicordi: George e Mildred

I coniugi Roper lasciano la loro casa in South Kensington e si trasferiscono al numero 46 di Peacock Crescent, un quartiere signorile in Hampton Wick, alla periferia di Londra. Per Mildred si realizza il sogno di fare un balzo in avanti nella scala sociale, ma non ha fatto i conti con suo marito George, volgare, rozzo, scostante e perennemente disoccupato che le renderà difficile farsi accettare da un vicinato snob e con la puzza sotto il naso. Fra le mura domestiche, Mildred tenta senza alcun risultato di migliorare l'educazione del marito e coltiva il sogno impossibile di risvegliare in lui pulsioni sessuali sopite da tempo. Fuori casa, Mildred ostenta un finto benessere e una disinvoltura in società che non le appartiene, fra malcelati imbarazzi e improbabili orecchini.

Caratterizzati da battutine fulminanti e dal tipico humor britannico, gli episodi ruotano tutti intorno ai due coniugi Roper che, di continuo, battibeccano, si lanciano sarcastiche frecciatine sui reciproci difetti e si fanno  dispetti. Nonostante tutto, però,  restano insieme e si vede che (a modo loro) si vogliono ancora bene, anche dopo venticinque anni di matrimonio.

George e Mildred è una serie televisiva di produzione britannica del 1976, fortunato spin-off di un’altra popolare sit-com: Un uomo in casa.
Tuttora il telefilm è uno dei più celebrati e amati, non solo nel Regno Unito.

Nel 1977 va in scena un adattamento teatrale della serie; da questa nasce anche una versione americana, I Roper (a sua volta spin-off di Tre cuori in affitto, versione statunitense di Un uomo in casa).

Nel 1979, dopo 38 puntate e 5 stagioni il telefilm si interrompe per la morte della protagonista Yootha Joyce, a causa di una grave forma di epatite, contratta in seguito all’abuso di alcol

In Italia “George e Mildred” venne trasmesso dal 1979 al 1981 su RAI 2 e verso metà degli anni ‘80 su RAI 1. Di recente è stata riproposta soltanto da alcuni canali satellitari. 

Chi può dimenticare l'incredibile sigla (quella italiana interpretata dai Gin & Tonic) con la scena finale in cui George parte con il suo sidecar, lasciando la moglie nella carrozzetta staccata della moto?
Pare sia rimasta nell'immaginario di molti dei "fortunati" piccoli telespettatori degli anni 70-80, anni irripetibili per le serie Tv.

Commenti

Post popolari in questo blog

NORD E SUD in italiano

LA BELLA E LA BESTIA: tra serie TV e romanzo

Come rimuovere il blocco del pc e il fake alert della polizia