Passa ai contenuti principali

L'elegante scrittura di Georgette Heyer

Che io adori il modo di scrivere ed i romanzi di Georgette Heyer, per chi passi da queste pagine non è un mistero. La fortuna ha voluto che, in uno dei mercatini estivi dell'usato e antiquariato, trovassi diversi romanzi pubblicati in Italia tra la fine degli anni '70 e la prima metà degli '80. Tra questi "Pecora Nera" della bravissima Heyer, un vero colpo, visto che è ormai fuori catalogo ed è introvabile!

Magistralmente scritto, ricco d'ironia e battutine fulminanti, i personaggi emergono dalle pagine così vividi e affascinanti che non riesci a smettere di leggere. Che differenza rispetto ai romanzi di oggi! Non servono scene ad effetto, l'erotismo esasperato, trame improbabili... basta l'uso sapiente delle parole, l'eleganza e l'arguzia con cui i personaggi interagiscono e niente è scontato, niente è meno che un magnifico gioco, dove le pedine si muovono in armonia fino all'inaspettato scacco matto finale.
 

Pecora Nera 
di Georgette Heyer

Trama: Ancora giovane, ma non più semplicemente "giovane", nubile e rassegnata a rimanere tale, intimamente ribelle alle convenzioni e ai luoghi comuni idolatrati da una famiglia opaca e rispettabile, Abigail Wendover ha l'insolita fortuna di dover affrontare, per salvare la giovanissima nipote Fanny da un matrimonio indesiderabile, una autentica "pecora nera". Autentica? Meglio non giungere troppo affrettatamente alle conclusioni.

È davvero certo che la sola pecora nera sia Miles Calverleigh, esiliato in India dalla famiglia per i suoi eccessi giovanili? Che, tra Abigail e la sua impetuosa nipotina, sia quest'ultima la più giovane e sventata? Che ad avvicinare irresistibilmente la "saggia" Abigail alla pecora nera sia soltanto il suo profondo senso del dovere nei confronti della nipote?

I lettori di Georgette Heyer sanno quale sapiente uso le sue eroine sappiano fare di un senso del dovere sagacemente inteso. Abigail Wendover non si rivela diversa dalle altre. E la buona società di Bath, al termine dell'avventura, vedrà capovolgersi sorprendentemente posizioni da lungo tempo stabilite; Abigail Wendover avrà perso alcune certezze, ma ne avrà acquistate altre assai più gradevoli; Fanny avrà imparato a non giungere troppo affrettatamente alle conclusioni; e Miles Calverleigh saprà, senza ombra di dubbio, che una "pecora nera" può felicemente rinunciare a essere tale. 


Giudizio:


Georgette Heyer

Nata a Wimbledon il 16 agosto 1902, a soli 17 anni scrisse La Falena Nera per intrattenere il fratello minore, Boris, durante una lunga convalescenza. Proposto successivamente a un editore, il romanzo fu pubblicato nel 1921 e ottenne un immediato consenso. Sull'onda di quel primo successo, Georgette Heyer scrisse altri tre romanzi, due storici e uno contemporaneo, che la confermarono come astro nascente della letteratura romantica. Nel 1925 sposò Ronald Rougier, un ingegnere minerario che seguì in Tanganica e in Macedonia, prima di tornare definitivamente in Inghilterra nel 1929, dove tre anni più tardi diede alla luce il suo unico figlio, Richard. Riservata e schiva, nel corso della sua lunghissima carriera ha scritto ben 57 romanzi, l'ultimo dei quali fu pubblicato solo dopo la morte dell'autrice, sopravvenuta il 4 luglio 1974.
Più volte assimilata a Jane Austen o a Charles Dickens per la precisione nella ricostruzione di ambienti, atmosfere e gergo del XIX secolo inglese, tra i suoi affezionati lettori, si annoverano Antonia Byatt, Anthony Burgess e Germaine Greer, tanto per citare alcuni nomi.
La produzione letteraria della Heyer si caratterizza anche per la scelta del periodo in cui sono ambientati i suoi romanzi:  la Reggenza. Il  nome deriva dal “Regency Bill” con cui nel gennaio del 1811 il Parlamento inglese nominava Giorgio, principe di Galles, primogenito di Giorgio III, reggente del regno. Aristocratici, e borghesi, vennero dominati dalla frivolezza come rito, da celebrarsi negli ippodromi, nei parchi, a Brighton o a Carlton House. Gran sacerdote, il dandy, squisito cerimoniere della religione del nulla: «Il protagonista dei romanzi di Georgette Heyer - scriveva Daria Galateria in un saggio del 1986 - è affetto da un definitivo languore. Quintessenziale nella sua rarefatta eleganza, abominabilmente annoiato anche quando decide a caso di mostrarsi amabile, dedica alla toilette più tempo di qualsiasi donna... Decisamente, non è un macho. Non è il partner aggressivo, nerboruto e sciovinista dei “rosa di serie”».


Hanno scritto di lei...

Lo humor brillante, il sapiente uso del linguaggio, i personaggi complessi, spesso stravaganti, la straordinaria accuratezza storica e la "britannicità" dei suoi romanzi rendono Georgette Heyer un'autrice di tutto rispetto.
New York Times
Mai la società, il sapore e il linguaggio del periodo della Reggenza inglese sono stati ritratti con la precisione e la raffinatezza di cui Georgette Heyer dà prova nei suoi romanzi.
Philadelphia Bulletin
Umorismo, fascino, dialoghi brillanti e personaggi irresistibili... i romanzi di Georgette Heyer sono secondi solo a quelli di Jane Austen
Publishers Weekley
Aprire un libro di GH significa lasciarsi trasportare in un mondo di romanticismo, di avventura e di passione che, secondo la miglior tradizione britannica, si intuisce appena sotto una superficie liscia e scintillante
Internet Booklist
Georgette Heyer sa trasportare il lettore in un mondo in cui passione e formalismo si scontrano con esiti divertenti e ricchi di humor.
New York Times

Commenti

  1. Sembra molto interessante: me lo presti? :-)

    RispondiElimina
  2. Buongiorno!
    Alcuni libri di Georgette Heyer si trovano in vendita su un sito di remainders (www.bookweb.it), con dei buoni prezzi, considerato che ormai questi libri non si trovano più. La speranza dei bibliofili amanti di Georgette rimane quella di vedere un giorno le ristampe degli introvabili, o di scoprire qualche sua opera nei mercatini delle pulci...
    Questo è un blog delizioso, parola mia!
    M

    RispondiElimina
  3. Grazie a te per la dritta e per i gentili complimenti! Spero tornerai a trovarmi, parlerò ancora di G. Heyer e dei suoi fantastici romanzi! ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

NORD E SUD in italiano

Finalmente, anche noi italiani possiamo leggere un classico della letteratura inglese, il capolavoro di Elizabeth Gaskell: Nord e Sud.
Lo avevo annunciato nei mesi scorsi ed ora è realtà! Una splendida notizia per chi, come me, ha amato l'omonimo sceneggiato della BBC.


NORD E SUD

di Elizabeth Gaskell (Editore Jo March - Atlantide)
Trama:  Nel salotto londinese degli Shaw, in Harley Street a Londra, la giovane Margaret Hale osserva con distacco, e velato rimpianto al contempo, quel mondo di lustrini, balli e convenevoli sociali che si è
ridestato intorno alla famiglia per festeggiare le nozze della cugina Edith. La giovane donna ha trascorso in quella casa, affidata alle cure di zia Shaw, una giovinezza spensierata e agiata, eppure tanto lontana dalla semplicità di costumi e dalla raffinatezza culturale della famiglia di origine che vive nel paesino di Helstone, nel cuore più fiabesco e incontaminato dell’Hampshire, al Sud dell’Inghilterra. Il matrimonio della cugina segna uno…

Come rimuovere il blocco del pc e il fake alert della polizia

Non si tratta di un tutorial, dato che non sono nè un tecnico nè un'esperta informatica, ma solo ciò che ho fatto io per rimuovere il blocco del mio computer (fake alert polizia postale).
La cronistoria. L'altra sera navigando capito in un sito che avevo visitato altre volte senza problemi, improvvisamente mi appare una videata con lo stemma della polizia postale (ma c'è anche la versione con lo stemma della polizia di stato, di quella forestale, della SIAE, ecc. ecc.), che riporta il mio IP, una mia foto catturata con la web-cam (integrata nel portatile e mai usata in vita mia) e la dicitura che avrei infranto la legge sul diritto d'autore e l'annuncio che il mio pc era stato bloccato. Provo a premere esc o a fare qualche azione, ma la videata rimane al suo posto e nessun comando risponde! Resto perplessa e comincio ad agitarmi, ma: a) non ho scaricato niente; b) non ho mai avuto o usato programmi peer to peer; c) la polizia non è il grande fratello che scatta foto …

LA BELLA E LA BESTIA: tra serie TV e romanzo

LA BELLA E LA BESTIA di Barbara Hambly (Ed. Euroclub)
Trama: Catherine Chandler è bella, giovane e ricca. Ma una notte, mentre rincasa dopo una festa, Cathy viene rapita e sfigurata a coltellate, e quando si risveglia si trova in un altro mondo. E' il mondo di Vincent, l'universo delle Gallerie, un labirinto di condotte sotto la rete metropolitana di New York, popolato da emarginati e strani personaggi che hanno deciso di isolarsi dal mondo di Sopra. E' stato Vincent a ritrovare Cathy in un angolo buio dal parco e a portarla al sicuro con sé sottoterra, e a curarla con dedizione. Cathy, gli occhi coperti da bende, dipende ora completamente dal suo salvatore. Ma Vincent ha un terribile segreto...
L'unica edizione italiana di questo romanzo è datata dicembre 1991 (la versione originale "Beauty and the Beast" è del 1989).
Come suggerisce la stessa copertina, il romanzo venne tratto dallo splendido telefilm"La Bella e la Bestia", trasmesso alla fine degli a…