Recensione di "Never Stop. I Rolling Stones oltre i confini del Tempo"

NEVER STOP
I Rolling Stones oltre i confini del Tempo

di Massimo Del Papa
(Ed. Smashwords Inc.)

Perché i Rolling Stones sono eterni? Perché niente riesce a fermarli? Questo ebook ripercorre in particolare gli anni 10 del Terzo Millennio, quelli del cinquantenario "e oltre": anni di apparente rilassamento, in realtà gravidi di successi, pericoli, tragedie. Come sempre. Ma nel segno di una grandeur ormai smisurata, che ha inghiottito anche il mito e non consente stop. Fino alla fine del tempo.


Commento: Non è mai facile scrivere qualcosa di nuovo su un mito vivente come i Rolling Stones. Massimo Del Papa ci è riuscito, scavando nel passato prossimo della band, in particolare negli ultimissimi anni, dal 2007, data della fine dell'ultimo tour, fino al presente davvero delle ultime ore: il libro si chiude sulla morte della compagna di Jagger, L'Wren Scott, suicidatasi alla fine di marzo. Allo stesso tempo, questo ebook si proietta in un futuro senza fine: come quello dei Rolling Stones, band che non può fermarsi mai. Del Papa indaga i motivi di un successo sfuggito al tempo e dilatatosi oltre la stessa esistenza dei protagonisti. Lo fa con la competenza di chi li segue da una vita (suo il successo editoriale "Happy", del 2006, dedicato a Keith Richards, per i tipi di Meridiano Zero), e ne sa cogliere sfumature, contraddizioni e magie. Ne esce un lavoro appassionante e fresco, pieno di aneddoti, ma anche una indagine che contempla il divenire dell'Occidente in tutto il dopoguerra e fino all'età della ipertecnologia digitale: uno scenario che ha rivoluzionato il pianeta, ma non ha spaventato i Rolling Stones, determinati a cavalcare anche questa sfida estrema, adeguandosi ma, tutto sommato, senza snaturarsi. Ebook consigliatissimo ai cultori degli Stones, del rock e dell'analisi storico-culturale contemporanea.

Giudizio

Commenti

Post popolari in questo blog

NORD E SUD in italiano

Come rimuovere il blocco del pc e il fake alert della polizia

LA BELLA E LA BESTIA: tra serie TV e romanzo