Piccolo commento: La Signora di Mellyn di Victoria Holt

LA SIGNORA DI MELLYN

di Victoria Holt 
(Selezione dal Reader's Digest - 1960)

Trama: Martha Leigh era giovane, povera e orgogliosa quando giunse a Monte Mellyn come governante. Di primo acchito, il luogo le parve incantevole: una grande dimora dell'epoca elisabettiana, adagiata tra lussureggianti giardini sulla bella costa della Cornovaglia. Ma a Monte Mellyn s'annidava un segreto groviglio di corridoi oscuri e spioncini dai quali Martha si sentiva osservata da occhi furtivi, e nel cuore delle persone ch'ella andava conoscendo s'annidavano altrettanto oscuri e segreti ricordi. Perché, si chiedeva, s'era fatta la convinzione che nella recente morte di Alice, la defunta signora di Mellyn, ci fosse qualche tragico segreto? E perché Alice pareva essere ancora presente nella sinistra dimora? Coinvolta suo malgrado in questo dramma, Martha è infine costretta ad affrontare e sfidare il tenebroso segreto di Monte Mellyn. Ciò che accade in tale circostanza costituisce il drammatico epilogo di una vicenda misteriosa e romantica, colma di colpi di scena che sorprenderanno anche il lettore più scaltro.

Commento: La signora di Mellyn di Victoria Holt è un appassionante gothic-romance che ricorda per certi versi il capolavoro Jane Eyre!
Incalzante e ottimamente scritto mi ha messo una gran voglia di leggerlo in versione integrale.
La versione completa uscì per Cino del Duca... nessuno ne ha una copia in libreria o nella soffitta della nonna?! 

Giudizio:

Commenti

  1. Ciao, una mia amica cerca questo libro da un po' ma non è mai riuscita a trovarlo, se non in edizione compensata. Lei vorrebbe il romanzo esteso e mi chiedevo se qualcuno sa dove potrei trovarlo (usato).
    (Giá provato amazon eBay ma nulla)

    RispondiElimina
  2. Ciao, scusami se ti rispondo solo ora ma il blog è rimasto fermo per un po', causa trasloco! La versione integrale non l'ho mai trovata, invece ad un mercatino trovai la versione ridotta Selezione dal Reader's Digest

    RispondiElimina

Posta un commento