La ricamatrice di segreti di Kate Alcott, piccolo commento

LA RICAMATRICE DI SEGRETI

di Kate Alcott
(Ed. Tre60)

Trama: Oceano Atlantico, 14 aprile 1912. È stata una bugia il biglietto che ha permesso a Tess di salire sulla nave più lussuosa del mondo, diretta in America: stanca di passare le giornate a cucire per pochi spiccioli e dotata di uno straordinario talento come ricamatrice, la ragazza ha trovato il coraggio di avvicinare Lady Lucile Duff Gordon e, mentendo sulla propria identità e sul proprio passato, ha convinto la celebre stilista ad assumerla come cameriera personale. Adesso, davanti a lei, si apre un mondo che sembra uscito da una fiaba: saloni maestosi, tavole imbandite, cabine sfarzose e, soprattutto, sontuosi abiti di velluto cangiante, pizzi raffinati, sete pregiate… Eppure, in quei pochi giorni di viaggio, non sono soltanto la magnificenza e la ricchezza a stupire Tess; ben più sconvolgenti, infatti, sono gli sguardi e le parole di Jim, l’umile mozzo che ha fatto breccia nel suo cuore. Proprio come, di lì a poco, un iceberg farà breccia nell’«inaffondabile» Titanic… New York, 18 aprile 1912. Giunti negli Stati Uniti, i sopravvissuti al naufragio del Titanic vengono accolti come eroi. Presto, però, l’ombra del sospetto oscura proprio la stella di Lady Duff Gordon, accusata da un giornale scandalistico di aver corrotto gli ufficiali di bordo pur di salire su una delle poche scialuppe di salvataggio. E, quando scoprirà chi è la fonte di quella notizia, Tess sarà costretta a una scelta drammatica: proteggere la sua benefattrice o combattere al fianco del suo grande amore…

 Data di pubblicazione:  22 marzo 2012


Commento: Sullo sfondo dell'immane tragedia del Titanic, la storia della giovane e bella Tess Collins, che lascia un presente senza prospettive al servizio di una donna che la sfrutta e s'imbarca per gli Stati Uniti per realizzare il suo sogno di disegnare e realizzare abiti.
Con l'inizio del viaggio per mare, il suo destino verrà ad intrecciarsi con quello dell'arrogante Lady Lucille, stilista di grande fama, dalla personalità altalenante e tirannica, e di Sir Cosmo Duff Gordon, il suo glaciale marito.
Un mondo nuovo per lei, fatto di ricchezza e potere, ma anche d'ipocrisia ed inganno.
       Scampato il pericolo e ormai in salvo, però, sarà il momento in cui arriverà altro dolore. Indicibili segreti riemergeranno dalle acque gelide, dove giacciono i corpi senza vita di migliaia di persone, trascinando nel disonore quei sopravvissuti che hanno compiuto atti di estrema codardia e crudeltà.
        A New York, rincontrerà alcuni passeggeri della nave, come la simpatica ed energica Miss Brown e avrà modo di conoscere la raffinata e scaltra Elinor, scrittrice hollywoodiana di successo, nonchè sorella di Lucille.
    Ma Tess conoscerà anche sentimenti d'amore, divisa tra l'attraente miliardario Jack Bremerton, in un primo momento ritenuto morto durante l'inabissamento della nave e Jim Bonney, il giovane mozzo di bordo.
      Jack è un “uomo magico” per Tess, affascinante e sicuro di sè, le ha sempre mostrato grande gentilezza e premure, oltre che coraggio, anche nel momento di estremo pericolo dell'assalto alle scialuppe durante l'affondamento. Jim, suo coetaneo, è un giovane di saldi principi, dal carattere determinato e dalla straordinaria umanità.

La narrazione è scandita dalle sedute del senatore Smith per scoprire, grazie alle deposizioni dei testimoni, le responsabilità dell'accaduto e dall'attività febbrile della giovane reporter Pinky Wade per portare a galla delle orribili verità nascoste, perchè, come dice l'autrice stessa, la sua storia è costruita proprio intorno a una domanda "perchè solo una scialuppa aveva cercato di salvare coloro che stavano morendo in acqua?".

Letto in due sere nette, senza un attimo di calo d'attenzione o noia, solo un aspetto non mi ha convinta del tutto: non sono molto approfonditi i rapporti tra i personaggi e alcuni di questi avrebbero dovuto essere più delineati, resi più partecipi nella narrazione, fatti “più vivere” (parlo di Jack soprattutto, ma anche di Jim), perchè meritavano più spazio e chiarezza. Solo così si sarebbe potuto comprendere appieno la scelta finale di Tess.

Personalmente ho trovato Jack Bremerton, irresistibile... e voi?

Giudizio:
 

Commenti

  1. Ho letto il libro quando è uscito e sono rimasta molto incuriosita dal fatto che alcune vicende narrate (Lady Lucille che non fece imbarcare altri naufraghi sulla scialuppa) sono realmente accadute (anche se ora non ricordo se si chiamasse proprio così la nobile in questione). Sono d'accordo che i personaggi maschili avrebbero dovuto essere più approfonditi, la storia del naufragio è interessante, ma la storia d'amore poteva essere più d'impatto. Ciau!!! :))

    RispondiElimina

Posta un commento