Per la prima volta Sophy la Grande in edizione integrale

Georgette Heyer, che ammiro, oltre per i suoi raffinatissimi gialli, soprattutto quale autrice di eccellenti romanzi storico-sentimentali ambientati in epoca Regency, è tornata in libreria con una nuovissima edizione del suo romanzo "The Grand Sophy" del 1950.

Il romanzo viene pubblicato per la prima volta in Italia in edizione integrale, mantenendo la storica traduzione del libro, fatta da Anna Luisa Zazo per Mondadori (L'inarrestabile Sophy, 1981).  

Nella versione precedente, pare siano state tagliate 150 pagine dall'originale e risulterebbero mancanti non solo parti dense di riferimenti storici, ma anche intere scene: così che in Italia se ne conosceva solo una versione parziale. 

La traduzione delle pagine 'integrate' è di Bruna Mora, mentre la casa editrice a cui dobbiamo questa bellissima iniziativa è "Edizioni Astoria" che annuncia prossime uscite di romanzi della Heyer, tutti in versione integrale.

Il romanzo è disponibile sia in formato tradizionale che in ebook e QUI  potete leggerne un estratto.

Sophy la Grande 
di Georgette Heyer 
(Ed. Astoria)

Sophy la Grande narra le avventure di un’eccentrica ventenne, che, affidata per alcuni mesi alla zia, darà una svolta non solo alla propria vita ma anche a quella dei suoi cugini. Simile a Emma della Austen, solo un poco meno ingenua, Sophy ama ficcare il naso nelle vite altrui, non certo per curiosità, bensì “perché ci sono talmente tanti guai che qualcuno dovrà pur risolverli…”. E a Ombersley Park i problemi sono molti: la giovane Cecilia che rifiuta di sposare l’innamorato lord Charlbury perché invaghitasi di un poetuncolo, il giovane Hubert in difficoltà a causa dei debiti di gioco… Il tutto ricade sulle spalle di Charles, il figlio maggiore – fidanzato con l’insopportabile signorina Wraxton – che oberato dalle gravi responsabilità reagisce stizzito alle intromissioni della stravagante quanto affascinante cugina. 

Ambientato, come la gran parte dell’opera di Heyer, nel periodo della Reggenza (1811-1820), contraddistinto da una certa rilassatezza di costumi dell’aristocrazia e contrapposto perciò alla stretta morale vittoriana che ancora imperava nell’Inghilterra degli anni cinquanta, Sophy la Grande ci offre un meraviglioso personaggio di donna intraprendente e responsabile.

Commenti

  1. Devo ammettere che Georgette Heyer non mi fa impazzire. Ho letto qualche romanzo ma non questo.

    P.S. Grazie per i premi per il blog. :D

    RispondiElimina
  2. Prova con "Un dono dal cielo", io l'ho adorato!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

NORD E SUD in italiano

LA BELLA E LA BESTIA: tra serie TV e romanzo

Come rimuovere il blocco del pc e il fake alert della polizia