Benvenuti a Baskerville Hall

Il mastino dei Baskerville 

Una maledizione vecchia di secoli minaccia e spaventa l'antica e nobile famiglia inglese dei Baskerville. La terribile leggenda narra di un enorme cane infernale che si aggira per la brughiera di Dartmoor sin dai tempi in cui un loro antenato, detto Ugo il Malvagio, perseguitò ed uccise una giovane contadina del luogo.
Nonostante siano trascorsi secoli, il terribile ululato torna ad echeggiare nei pressi di Baskerville Hall ed è qui che viene trovato morto, in circostanze misteriose, Sir Charles Baskerville. Circostanze rese ancora più inquietanti dalla presenza, nei pressi del cadavere, di impronte di un cane gigantesco.
Occorre far luce sul mistero e proteggere la vita di Sir Henry, nuovo ed ultimo erede dei Baskerville. Viene, quindi, chiesto l’aiuto del celebre detective Sherlock Holmes il quale, impossibilitato a lasciare Londra, manda in avanscoperta il fedele dottor Watson. Giunto a Dartmoor egli trova una fitta ed intricata serie di misteri: il maggiordomo Barrymore viene sorpreso nottetempo a fare strani segnali di luce da una finestra di casa Baskerville e per la brughiera
si aggira un pericoloso criminale omicida evaso dalla vicina prigione di Princetown, mentre la nebbia copre la palude e gli ululati continuano nella notte. Il dottor Watson invia regolarmente ad Holmes, precisi e dettagliati rapporti, grazie ai quali facciamo conoscenza degli abitanti del luogo. Ci vengono, in questo modo, presentati il naturalista Jack Stapleton, un entomologo appassionato di rare farfalle, e sua sorella Beryl, della quale si innamorerà presto il giovane Sir Henry; il signor Frankland di Lafter Hall, un eccentrico gentiluomo di campagna col pallino per le questioni di diritto e per le osservazioni al telescopio, Il dottor Mortimer e Laura Lyons, una dattilografa che pare abbia scritto un biglietto a Sir Charles nel quale gli chiedeva un appuntamento proprio per la sera in cui è morto. Sherlock Holmes, ancora una volta, darà prova delle le sue eccezionali capacità investigative, trovando le tracce che lo porteranno alla scoperta della incredibile verità.

 

The Hound of the Baskervilles”, il titolo originale del romanzo, uscì a puntate sul mensile The Strand Magazine dall’agosto 1901 fino all’aprile 1902. Mentre la prima edizione in volume viene pubblicata a Londra per i tipi di George Newnes nel marzo dello stesso anno. La pubblicazione di questa avventura ebbe un clamoroso successo, giungendo oltretutto diversi anni dopo l’ultima avventura di Sherlock Holmes (precipitato dalle cascate di Reichenbach, in Svizzera, mentre lottava contro Moriarty).
La prima edizione italiana uscì a puntate, sempre nel 1902, su La Domenica del Corriere e l’anonimo traduttore è stato l’unico a cogliere la vera essenza della parola hound nel titolo originale, reso con La Maledizione dei Baskervilles.


Sir Arthur Conan Doyle
Nato nel 1859 a Edimburgo, in Scozia, sir Arthur Conan Doyle fece dapprima il medico, per poi dedicarsi esclusivamente alla letteratura, scrivendo romanzi storici; ma raggiunse il successo inventando il personaggio di Sherlock Holmes, ancora oggi il detective più famoso della letteratura mondiale. Morì nel 1930.
Aveva quasi 27 anni quando, nel 1886, scrisse la sua prima storia di Sherlock Holmes.

Il 30 ottobre 1886 Doyle ricevette un'offerta dalla Ward, Lock & Company: "Egregio signore abbiamo letto il vostro libro e ne siamo soddisfatti. Non possiamo pubblicarlo quest'anno perché  il mercato e' invaso da romanzi a poco prezzo, ma se non avete niente in contrario a che venga tenuto in sospeso fino all'anno prossimo, vi corrisponderemo 25 sterline per i diritti d'autore".
Fu così che, nonostante l'esigua ricompensa, il 20 novembre successivo Doyle cedette tutti i diritti su A Study in Scarlet che venne pubblicato nell’edizione Beeton’s Christmas Annual.

Commenti

  1. Ciao cara, quando puoi passa dal Blog c'è un Premio per te !http://booksofclaire.blogspot.com/2012/01/versatile-blogger-award.html
    Ciao e Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il premio, passerò subito a ritiralo! ^^
      Ciao!

      Elimina
  2. Il mastino dei Baskerville è in assoluto il migliore libro di Doyle ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, si è il migliore dei romanzi di Sherlock Holmes, ma mi piace molto anche "Il mondo perduto" di Doyle!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA BELLA E LA BESTIA: tra serie TV e romanzo

NORD E SUD in italiano

Come rimuovere il blocco del pc e il fake alert della polizia